Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
Regione Lombardia, indagati 40 consiglieri Pdl e Lega per peculato

Regione Lombardia, indagati 40 consiglieri Pdl e Lega per peculato

Regione Lombardia, indagati 40 consiglieri Pdl e Lega per peculato

PROVINO PRESEPE

Immagine di copertina

I soldi dei rimborsi per cene, Iphone e gratta e vinci: 22 indagati tra i consiglieri di Pdl e Lega

 

L'accusa: soldi pubblici per spese «dubbie». Formigoni: «Nessun Batman in Lombardia»

 

MILANO - Dai ristoranti alle sigarette, dalle munizioni ai cocktail. Le spese quantomeno «dubbie» - rimborsate con soldi pubblici - dei consiglieri della Regione Lombardia in quota Pdl e Lega sono finite nel mirino della procura. Sono 22 gli inviti a comparire per i consiglieri lombardi, tra questi anche Nicole Minetti. Gli investigatori della guardia di finanza hanno accertato un utilizzo illecito dei rimborsi regionali dei gruppi consiliari. Milioni di euro ogni anno per tutti i gruppi consiliari e che si aggiungono ai già tanti benefit dei politici. In particolare l'indagine riguarderebbe spese fatte al di fuori dell'attività politica con soldi pubblici. Tra gli indagati, i capigruppo in Regione del Pdl e della Lega Nord, Paolo Valentini e Stefano Galli per l'accusa di peculato.

4
21

LE VERIFICHE - A dare il via al nuovo scandalo, le verifiche per l'indagine di corruzione su Davide Boni, ex presidente del Consiglio regionale della Lega e sull'ex assessore del Pdl, Franco Nicoli Cristiani, arrestato un anno fa con in casa una mazzetta da 100 mila euro. Lo scorso 10 ottobre i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria erano andati in Regione Lombardia con un decreto di esibizione di documenti e avevano acquisito i rendiconti dei gruppi consiliari lombardi di Pdl e Lega dal 2008 al marzo del 2011. Sotto la lente di ingrandimento degli investigatori sono finite le spese di comunicazione e di rappresentanza, ritenute sospette, dei gruppi consiliari del Pdl e della Lega e in particolare i finanzieri avrebbero accertato spese, per cene e viaggi, illecite.

LECCA LECCA E GRATTA E VINCI - Con i soldi dei rimborsi al gruppo consiliare della Lega Nord, per esempio, il consigliere regionale lombardo Pierluigi Toscani ha comprato, tra le altre cose, lecca lecca e gratta e vinci. Nella «lista della spesa» di Toscani ci sono anche cartucce usate per la caccia comprate presso l'azienda Muninord per 752 euro, ma anche «cono medio e coppetta media di gelato», «lemonsoda, pizzette, cannoli, ciambelle, torta sbrisolona, zucchero semolato, farina, salsicce, cracker e biscotti, frutta e ortaggi». E anche, per la somma di 127 euro, ostriche. Tra gli indagati risulta inoltre un consigliere che avrebbe comprato coi rimborsi regionali anche il pane.

Regione Lombardia, 22 consiglieri indagati per peculatoRegione Lombardia, 22 consiglieri indagati per peculato    Regione Lombardia, 22 consiglieri indagati per peculato    Regione Lombardia, 22 consiglieri indagati per peculato    Regione Lombardia, 22 consiglieri indagati per peculato    Regione Lombardia, 22 consiglieri indagati per peculato

GLI ALTRI GRUPPI - La Guardia di finanza di Milano ha acquisito in Regione Lombardia i documenti relativi alle spese di altri Gruppi consiliari, tra cui Pd, Idv e Sel. Al momento, l'inchiesta vede coinvolti 22 consiglieri del Pdl e del Carroccio indagati.

FORMIGONI: QUI NON C'È BATMAN - «Batman non c'è in Lombardia»: lo ha detto Roberto Formigoni rispondendo ai giornalisti sulla inchiesta sui rimborsi. «Credo proprio - ha aggiunto - che i nostri gruppi abbiano rispettato fino in fondo le regole, credo che ci sia un grande equivoco alla base di tutto questo perché le regole in Lombardia sono chiare e sono assolutamente diverse da quelle delle altre regioni».

MINETTI - Tra le spese contestate a Nicole Minetti c'è anche l'acquisto del libro «Mignottocrazia», di cui ha conservato lo scontrino. Ma il libro non è il solo acquisto contestato. Minetti ha pagato 832 euro un aperitivo all'hotel principe di Savoia e 400 euro una cena da Giannino. L'ex consigliera ha anche comprato un iPad da 750 euro, nonostante la Regione Lombardia ne avesse già dato uno ad ogni consigliere. In tutto, le spese di Minetti fatte con i fondi del Pirellone ammontano a decine di migliaia di euro.

RENZO BOSSI - In un'altra inchiesta, sull'uso illecito del finanziamento pubblico alla Lega Nord, è indagato per peculato, sempre dalla procura di Milano, Renzo Bossi: il figlio del senatùr avrebbe effettuato acquisti di videogiochi, sigarette e bibite, in particolare la «Red Bull».

I NOMI - I 22 inviti a comparire sono equamente ripartiti tra Lega e Pdl, 11 e 11. Per la Lega si tratta di Cesare Boschetti, Fabio Cecchetti, presidente del consiglio regionale, Stefano Galli, Angelo Ciocca, Alessnadro Marelli, Enio Moretti, Massimiliano Oesatti, Ugo Parolo, Roberto Pedretti, Giovanna Ruffinelli, Pierluigi Toscani. Per il Pdl di Giovanni Bordoni, Giulio Boscagli, cognato di Roberto Formigoni, Alessandro Colucci, Giuseppe Gianmario, Antonella Maiolo, Nicole Minetti, Marcello Raimondi, Gianluca Rinaldin, Carlo Saffioti, Paolo Valentini, Sante Zuffadfa. Saranno interrogati tra lunedì 17 e sabato 22 dicembre in procura.

Redazione Milano online

Regione Lombardia, indagati 40 consiglieri Pdl e Lega per peculato

Cene di lusso, munizioni e pure 'Mignottocrazia',comprato da Nicole Minetti coi soldi pubblici. Oltre a lei, convocata dai pm il prossimo 19 dicembre, e decine di colleghi, finiscono sotto inchiesta anche i capigruppo Pdl e Lega. Tra i rimborsi anche 15mila euro di brioche e caffè e 27mila di noleggio auto e taxi. La Finanza acquisisce anche i documenti di Pd, Idv e Sel

Assemblea Consiglio Regione Lombardia

Poi il consigliere leghista Cesare Bossetti, che avrebbe speso nel 2011 quasi 15mila euro per comprare dolci in pasticceria oltre che per fare colazioni con brioche e caffé. E ad Angelo Giammario (Pdl), già indagato per corruzione, viene contestato invece di aver usato per fini personali oltre 27mila euro, anche per noleggi auto e taxi. Pierluigi Toscani della Lega invece

ha comprato, tra le altre cose, lecca lecca e gratta e vinci. Ma anche cartucce usate per la

caccia comprate presso l’azienda Muninord per 752 euro, “cono medio e coppetta media di

gelato”, “lemonsoda, pizzette, cannoli, ciambelle, torta sbrisolona, zucchero semolato, farina, salsicce, cracker e biscotti, frutta e ortaggi”. E anche, per la somma di 127 euro, ostriche. 

Tutti rimborsi al di fuori dell’attività politica nel corso di due legislature, tra il 2008 e il 2012, anche

se effettuati coi soldi pubblici. Dopo le spese contestate della Regione Piemonte, che

includevano night club e drink alle Canarie, finiscono sotto inchiesta i consiglieri che

sostenevano Formigoni. Ma le indagini non riguardano solo il centrodestra, perché la Finanza

oggi ha acquisito con un decreto di esibizione i documenti relativi alle spese di altri gruppi, tra

cui PdIdv e Sel. L’ordine è stato presentato anche nell’ufficio della presidenza del Consiglio.

E’ un lungo elenco di spese quotidiane e c’è chi rientra tra gli ‘over 100 mila euro’, e chi invece

ha chiesto di inserire, tra i rimborsi del proprio gruppo politico, spese personali di poche

centinaia di euro.

L’inchiesta sulle spese dei consiglieri è iniziata con le verifiche al leghista ed ex presidente del Consiglio regionale Davide Boni, accusato di corruzione, e all’ex assessore del Pdl Franco

Nicoli Cristiani. Dalle intercettazioni ambientali sono state riscontrate spese e fatture giustificate come impegni ‘istituzionali’ che di istituzionale, però, avevano ben poco. E il cui totale, secondo

gli inquirenti, in Lombardia ogni anno vale milioni di euro. A seguito delle intercettazioni, i

finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, su ordine del procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e di pm Paolo Filippini e Antonio D’Alessio, lo scorso 10 ottobre erano andati in Regione con un decreto di esibizione di documenti e avevano acquisito i rendiconti dei gruppi consiliari lombardi di Pdl e Lega dal 2008 al marzo del 2010. Sul decreto in quella occasione

erano indicati i nomi di tre indagati per peculato e truffa aggravata: BoniNicoli Cristiani e l’ex assessore regionale Massimo Buscemi del Pdl. Sotto la lente di ingrandimento degli

investigatori sono finite soprattutto le spese di comunicazione e di rappresentanza, ritenute

sospette, dei gruppi consiliari del centrodestra e in particolare i finanzieri avrebbero accertato spese, per cene e viaggi, illecite.

Tra scontrini e autocertificazioni la Finanza, ricorda oggi Repubblicahanno trovato irregolarità

che in molti casi sarebbero “lampanti, smaccate”. Il controllo da parte della Corte dei Contiattraverso il quale dovrebbero passare è soltanto una “operazione trasparenza di facciata”

, visto che “alla giustizia contabile non è consentito il controllo delle spese, ma solo il saldo

finale”. E così dopo gli scandali in Lazio, col capogruppo Pdl Fiorito che usava i soldi pubblici

per auto e vacanze, i 17 consiglieri in Sardegna indagati per peculato, e i processi in avvio in Campania eBasilicata, viene travolta la Regione Lombardia. E non si esclude che, pure tra i

 banchi dell’opposizione, arrivino i finanzieri per acquisire i rendiconti delle spese di PdSel e

 Idv

Galli: “Nessun avviso. Campagna elettorale per Ambrosoli” – Il capogruppo della Lega

spiega però di non avere “ricevuto nulla” e aggiunge: “Non riusciamo a capire il motivo. Penso

che ci sia in atto una campagna elettorale a favore di Ambrosoli“. Galli poi punta il dito contro

gli avversari politici: “Se l’indagine è quella che emerge dai giornali, allora il sistema dei rimborsi

è lo stesso che stanno usando il Pd, Sel, l’Idv, l’Udc e i Pensionati, ma su di loro i pm non stanno indagando”. Poi viene smentito nei fatti dall’acquisizione della gdf dei documenti di altri gruppi consiliari.

 

shinystat.cgi?USER=cervigabriele

 

 

 

  • GRUPPO FONDATO SU FACEBOOK:

 

DIGITA QUI SOTTO PER ENTRARE E

VISIONARE IL

NOSTRO GRUPPO.

SE POI LO TROVI INTERESSANTE

CHIEDI L'ADESIONE 


 
 

ANGELO E GABRIELE CERVI AMICI D'ORFANATROFIO

SITO DIARIO LE MIE LOTTE PER FAR CHIUDERE GLI ORFANATROFI

LA DISCIPLINA DELLA TERRA COLLEGATO AL MIO GRUPPO SU FACEBOOK

INFANZIA ABBANDONATA IN ITALIA UN CRIMINE ITALIANO



   

Post recenti

        

Post recenti

 
                               

DOTT. FERDINANDO IMPOSIMATO

PEPPINO IMPASTATO UN UOMO VERO CHE HA VISSUTO DA VERO UOMO

GLI SPRECHI DEI MINISTRI

LA PROVINCIA QUOTIDIANO DI CREMONA SU FACEBOOK

LA FAMIGLIA NEGATA DIARIO ONLINE DI GABRIELE CERVI

RIFORMA DEI PARTITI E DEI SINDACATI CODICE ETICO

RIFLESSIONI