Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
L'onorevole piange miseria...

L'onorevole piange miseria...

L'onorevole piange miseria...

 


  Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us

 

 

DDodicimila euro al mese? Sì, ma «abbiamo tante spese, il mutuo, i figli, le cene per la rielezione». E poi «per fare i parlamentari serve decoro», «mica possono mandarci nudi per strada», «faccio pure la spesa alla Coop». Piccola raccolta delle reazioni dei parlamentari a chi chiede solo una classe politica un po' più sobria 

 


Gianfranco Rotondi, da democristiano di lungo corso, ne aveva subito fatta una questione di sopravvivenza: «Dobbiamo coccolare i parlamentari», argomentava a fine giugno. «Se un giorno gli si dice che vanno dimezzati, il giorno dopo che gli si taglia lo stipendio, quello successivo l'auto blu, significa voler proprio far cadere il governo». Invece il governo di Silvio Berlusconi è caduto, ma i tagli sono rimasti perlopiù sulla carta. Anzi, al solo sentir parlare di riduzioni all'indennità (che comunque slittano ulteriormente) i parlamentari si indignano: «E' istigazione al suicidio!», «Tagliateci la testa!», «C'è un clima da rivoluzione francese!». A chi sottolinea i privilegi, replicano gridando alla demagogia. E pazienza se, quando la trasmissione 'Gli Intoccabili' ha mandato in onda un collega mentre sosteneva candidamente che il Berlusconi IV era sopravvissuto al voto di fiducia del 14 dicembre 2010 perché «per dieci giorni mi fottevano la pensione», le agenzie non hanno registrato altrettanto veementi ammende e prese di distanza. Del resto, come documenta questa raccolta di dichiarazioni, loro fanno la spesa alla Coop e faticano a pagare il mutuo (quando non rientra nel prezzo di mercato del cambio di casacca). Come i comuni mortali. Solo con qualche migliaio di euro in più in busta paga. 


Piergiorgio Stiffoni, Lega Nord: «Se vogliono una classe politica di sciattoni, è una scelta che si può fare, ma mi sembra che un certo decoro ci debba essere anche di chi lavora in Parlamento.» (11 dicembre 2011) 

Gioacchino Alfano, Pdl: «Il mio stipendio è contato, non sono nemmeno cinquemila, giuro. Metta il mutuo che grava e tanto». (12 dicembre 2011)

Marina Sereni, Pd: «Scusi, chi ha detto che noi prendiamo un' indennità netta di 11 mila euro? Può arrivare a 5 mila euro, questo sì. Ma io faccio una vita normale, faccio la spesa alla Coop, quelli che mi conoscono lo possono testimoniare.» (12 dicembre 2011) 
 




Michele Pisacane, Pid: «Lo stipendio è troppo basso, è poco. Io guadagno 4.412 euro. Certo, con le indennità si arriva a circa 12 mila euro al mese ma con uno stipendio così, se devi sottrarre i soldi che dai ai tuoi figli, i contributi per la mia professione e le spese per la politica, alla fine ne rimangono solo la metà, seimila euro». (...) «Io e mia moglie insieme prendiamo circa 30 mila euro di stipendio netti al mese, ma non vedo qual è il problema. Io non prendo né finanziamenti né tangenti e dunque questi soldi che io guadagno sono pochi se devo poi investirli nella politica.» (28 novembre 2011)

Alessandra Mussolini, Pdl: «E' come se ci mandassero nudi per strada (togliendo o ritardando il vitalizio, ndr). Poi è ovvio che uno si ammala, prende l'influenza, si aggrava, arriva la polmonite e quindi...» (...) «Per i cittadini soffriamo ancora poco. Vogliono vederci soffrire ancora di più. Se abbassassero i nostri stipendi a mille euro al mese, la gente ci vorrebbe veder prendere 500 euro.» (9 dicembre 2011)

Maurizio Paniz, Pdl: «Io farei il parlamentare anche gratis, e sarei onorato di farlo. Gli altri prendono 3.600 euro. Sarebbero dei nababbi? Ma andiamo!» (12 dicembre 2011).

Fausto Bertinotti: «Se mi toglierei il vitalizio? Se mi dessero qualcos'altro per vivere sì, se mi dessero una pensione sì. Ho lavorato una vita e ho diritto a una pensione. Poi come si chiami non conta, basta che sia congrua con ciò che ho versato» (22 novembre 2011)

Mario Pepe, ex Pdl e Responsabili, ora Gruppo Misto: «Se toccassero il mio vitalizio sarei in difficoltà. Facevo il medico e faccio il parlamentare da 12 anni. Prenderei solo una pensione da 1.200 euro al mese. Una miseria» (2 dicembre 2011)

Giuliano Cazzola
, Pdl: «A proposito di 'Casta', quando sentiremo dai banchi del governo, a Montecitorio, un professore o un magistrato o un giornalista o un banchiere pronunciare la fatidica frase: 'avrei potuto fare di quest'aula sorda e grigia un bivacco per i miei manipoli'?» (12 dicembre 2011, citando Benito Mussolini)


Giacomo Chiappor


 

DIGITA SUI TITOLI Ricerca per argomento: Privilegi

 

I Mastella, coppia con scorta

Entrambi i coniugi di Ceppaloni godono ancora di auto con sirena e guardie del corpo armate a spese del contribuente. Come loro, l'ex ministro tangentista Paolo Cirino Pomicino, il segretario del Pdci Oliviero Diliberto, i giornalisti Feltri e Belpietro, il patron della Lazio Claudio Lotito e altri. Tutte indispensabili?

(lunedì 23 gennaio 2012)

La Casta va pazza per l'iPad

Una quarantina per i consiglieri regionali in Puglia. Altrettanti per quelli comunali di Sassari e quelli di Bolzano. Un po' meno a Torino, dove sono stati omaggiati solo i capigruppo. Mentre a Siracusa e in Abruzzo il regalo è stato bloccato all'ultimo momento. La politica ha scoperto i tablet di Apple. A spese del contribuente, è ovvio

(mercoledì 11 gennaio 2012)

L'onorevole piange miseria

Dodicimila euro al mese? Sà¬, ma «abbiamo tante spese, il mutuo, i figli, le cene per la rielezione». E poi «per fare i parlamentari serve decoro», «mica possono mandarci nudi per strada», «faccio pure la spesa alla Coop». Piccola raccolta delle reazioni dei parlamentari a chi chiede solo una classe politica un po' più sobria

(mercoledì 14 dicembre 2011)

Chiesa e Ici, la videoinchiesta

Nei video realizzati dai Radicali si mostra come gli istituti esenti dall'Ici siano in realtà  veri e propri alberghi con prezzi di tutto rispetto

(venerdì 18 novembre 2011)

Senatori, è finita la pacchia

Dopo il clamore scatenato dalla pubblicazione del menù di Palazzo Madama sul nostro sito, il presidente Schifani ha deciso di darsi una mossa e rimuovere il privilegio. Cosଠda questa settimana i prezzi del ristorante sono aumentati. E le reazioni dei tavoli non si sono fatte attendere: "Da oggi non mi vedrete più"

(mercoledì 21 settembre 2011)

La Santa Evasione

Un patrimonio immobiliare sterminato. E tutto senza tasse. Più sovvenzioni, sconti, esenzioni. Cosଠlo Stato privilegia il tesoro del Vaticano. E rinuncia a entrate milionarie

(mercoledì 31 agosto 2011)

Ora la Casta contrattacca

Buttiglione (Udc): «E in corso una campagna antiparlamentare come quella che portò al fascismo». Malan (Pdl): «Guadagno molto meno dei parlamentari francesi». Concia (Pd): «Gli sprechi ci sono, ma attenti alla demagogia, la politica non può essere solo per i ricchi. E io lavoro 12 ore al giorno»

Ricerca per argomento: Casta

Il politico prende 6 volte di più

Abbiamo confrontato i dati ufficiali dei guadagni dei nostri parlamentari con lo stipendio medio degli italiani. Il risultato è impressionante, perchè in nessun Paese europeo la distanza tra onorevoli e persone comuni è cosଠampia: in Francia il rapporto è 4,8 a uno, in Germania è di 3,4 a uno e in Spagna addirittura di 2,1 a uno

(lunedì 05 marzo 2012)

Scuole cattoliche, i conti in tasca

Niente Imu se reinvestono gli utili. Mezzo miliardo di euro all'anno di finanziamenti statali. Altre decine di milioni da regioni e comuni. Più, ovviamente, le rette pagate dalle famiglie. E i preti stipendiati dai contribuenti negli istituti pubblici. Ecco il grande business dell'educazione vaticana

(venerdì 02 marzo 2012)

Milano, basta favori in Galleria

Partiti, associazioni, sindacati, amici e amici di amici: da decenni stavano tutti in affitto a prezzi stracciati negli edifici affacciati sul salotto buono della città . Ora Pisapia li ha sfrattati per 'ricollocarli' in zona Fiera

(lunedì 20 febbraio 2012)

Al Senato è impazzita l'agenda

Incredibile a Palazzo Madama: le preziose rubriche in pelle bordeaux per le quali ogni anno i contribuenti spendono 300 mila euro, nel 2012 sono pure sbagliate: si salta dal 29 febbraio al 21 giugno, e dopo il 10 ottobre ci sono luglio e agosto

(giovedì 16 febbraio 2012)

Notai, il silenzio è d'oro

Sono l'unica categoria coinvolta nelle liberalizzazioni che non protesta. Perchè il decreto di Monti per loro è solo un buffetto. E continueranno a fare il bello e il cattivo tempo con i clienti, cioè i comuni cittadini. Ecco come

(martedì 07 febbraio 2012)

Noi sfruttati di Montecitorio

Portaborse vessati: ecco i casi di chi ha deciso di ribellarsi ai politici

(lunedì 06 febbraio 2012)

Quanti furbetti sul portaborse

Lo Stato paga ai parlamentari oltre 3.500 euro al mese per l'assistente. Ma c'è chi se li intasca. Chi assume la moglie. E chi con quei soldi ingrassa le casse del suo partito. Mentre ai collaboratori vanno solo le briciole

(lunedì 06 febbraio 2012)

Quanti soldi ai partiti fantasma

Dopo il caso della Margherita, siamo andati a spulciare i finanziamenti che continuano ad arrivare a liste sconosciute o defunte. Dal Friuli alla Sicilia, è una greppia continua

(giovedì 02 febbraio 2012)

Politici e iPad, allora è un vizio

Dopo quelli della Puglia, di Torino, di Sassari e di Bolzano, anche i consiglieri della Lombardia si regalano l'ultima versione del tablet Apple, a carico dei contribuenti. «Uno strumento indispensabile senza il quale non si riesce a lavorare», spiegano

(martedì 31 gennaio 2012)

L'incredibile storia di un computer trovato durante una perquisizione a casa di un imprenditore dell'azzardo e ripreso con la forza dall'onorevole Amedeo Laboccetta, che ha sostenuto che era suo, quindi non poteva essere sequestrato