Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
L'on. e la busta pesante: "Vi dico io come tagliarla" La radicale Rita Bernardini: diaria da rivedere, giustificare tutte le spese La denuncia: "I collaboratori pagati in nero sono centinaia:
  devono

L'on. e la busta pesante: "Vi dico io come tagliarla" La radicale Rita Bernardini: diaria da rivedere, giustificare tutte le spese La denuncia: "I collaboratori pagati in nero sono centinaia: devono

 

L'on. e la busta pesante: "Vi dico io come tagliarla"

La radicale Rita Bernardini: diaria da rivedere, giustificare tutte le spese

La denuncia: "I collaboratori pagati in nero sono centinaia: devono essere pagati dall'Ente e non dal parlamentare"


Rita Bernardini ripresa mentre si dirige verso Montecitorio (Ansa)
Rita Bernardini ripresa mentre si dirige verso Montecitorio (Ansa)

di Francesco Ghidetti
ROMA, 7 gennaio 2012 - RITA Bernardini, esponente della pattuglia radicale eletta nelle liste del Pd a Montecitorio, ci mostra la sua busta paga. "Specifico subito. Non c’è ‘una’ busta paga. Ma treIl primo cedolino, inviato dal gruppo parlamentare, prende il nome di ‘Rimborso per spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettore’. Il secondo è ‘l’Indennità’. Il terzo è la ‘Diaria’. Inoltre, ogni tre mesi arriva un altro cedolino di 3.323,27 euro per spese di viaggi e trasporti. Infine, ogni sei mesi ecco i 3.098,74 euro per le spese telefoniche".

Lei quanto si mette in tasca pulito?
"Non è un calcolo facile. Varia di mese in mese. Al mio partito verso mensilmente 5mila euro. Poi, ne spendo altri 1.200 per una consulenza e altri 800 per un contratto a progetto, ovviamente entrambi regolari".


In tutto ne prende 14mila, no?
"Sì. Leviamo i settemila tra partito e contratti di consulenza e collaborazione. Poi ci sono i contributi extra, le iscrizioni e il discorso dei viaggi...".

Che non pagate.
"Sì, il trasporto. Ma quando si è fuori per visitare carceri come ho già fatto per almeno 180 volte, o per presenziare a un convegno, spesso si deve trovare un albergo e anche un posto dove mangiare... anche se noi radicali con gli scioperi della fame risparmiamo molto in tempo e denaro: tre cappuccini al giorno e non ci pensi più!".

Collaboratori: molti sono in nero. Vero? Falso?
"Verissimo. Su 630 deputati, quelli che hanno stipulato un regolare contratto sono circa 230... Gli altri si intascano i soldi oppure, appunto, pagano in nero".

La Camera non potrebbe pagarli direttamente?
"È la proposta radicale mutuata dal Parlamento europeo. A Bruxelles i collaboratori vengono direttamente remunerati dall’organo istituzionale".

Sulle altre voci tutto bene?
"No. Noi radicali chiediamo che vengano tutte rendicontate, per usare una brutta espressione. Vai in una città? Mi dici il motivo. Telefoni? Me lo devi giustificare. Magari poi si scopre che per fare bene il tuo lavoro spendi più di quanto è previsto".

Perché un eletto a Roma dovrebbe avere la diaria?
"Infatti. Si potrebbe eliminare o ridurla drasticamente per i romani; per gli altri chiederei le ricevute degli affitti pagati".

Costi della politica: che fare subito?
"Abolire il finanziamento pubblico ai partiti come volle il popolo italiano nel referendum radicale del 1993. Popolo italiano preso in giro: si pensi che da quell’anno le uscite sono aumentate di cinque volte. E poi voglio rivendicare un nostro successo quando abbiamo denunciato la follia degli affitti che la Camera paga e continua a pagare. Autocastrazione pura: Montecitorio non ha previsto clausole di recesso dei contratti. Per ogni deputato si spendono 9mila euro al mese. Per 630...".


Altre voci?
"Prenda le trattenute per l’assegno vitalizio, per l’assistenza sanitaria, e per il Tfr: queste sono tutte amministrate in un ‘fondo di solidarietà’ gestito direttamente dagli onorevoli questori. Ebbene, questo fondo ha accumulato nel corso degli anni un bel tesoretto: circa 140 milioni. Utilizziamoli".

Per che cosa?
"Servizi ai parlamentari. Lì bisogna investire. Più banche dati, più ricerca, più conoscenza".

E l’anagrafe pubblica degli eletti?
"Noi la volevamo obbligatoria ma, grazie a una nostra proposta, oggi chi firma la liberatoria può dettagliare il proprio reddito e i propri interessi economico-finanziari su www.camera.it. Finora l’hanno fatto 216 parlamentari su 945, ma sono convinta che entro la fine della legislatura questa piccolo successo di trasparenza lo porteremo a casa".


La nostra casta da record E' la più cara di tutto il mondo

Bechis: Spendiamo 27,35 euro per mantenere i parlamentari, il doppio dei francesi. Lo ha scoperto l'Autorità brasiliana per la trasparenza

La nostra casta da record E' la più cara di tutto il mondo

La sobrietà ci costa carissimo. Il governo dei tecnici l'aveva promesso:

taglieremo gli sprechi. In cima alla lista, naturalmente, c'era la Casta,

imbottita di privilegi, prebende e benefit. E invece nulla: quella stessa

Casta rimane e rimarrà, anche dopo la manovra lacrime e sangue, la

classe politica più cara al mondo. Per mantenere i parlamentari di Roma,

ogni cittadino italiano spende 27,35 euro all'anno. Esattamente il doppio

di quanto sborsa un "collega" francese (14,42 euro). E pure Stati Uniti,

Inghilterra e Germania fanno la figura dei virtuosi rispetto a noi. Lo ha

scoperto l'Autorità brasiliana per la Trasparenza. Una notizia che di certo non

fa ben sperare, visto che il rimedio ci sarebbe: tagliare il numero di

parlamentari. Pdl e Pd si dicono da tempo d'accordo sul dimezzamento,

ma le proposte di legge in tal senso giacciono misteriosamente nei cassetti delle due Aule...


AMICI E' ARRIVATO IL MOMENTO DI AGIRE. SE SIETE D'ACCORDO

CONDIVIDETE E USATE IL PASSA PAROLA. FERDINANDO

IMPOSIMATO: CHIEDIAMO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DI INTERVENIRE CON DECISIONE PER INDURRE IL GOVERNO A

RINUNZIARE ALLE SPESE MILITARI

Chiediamo al Presidente della Repubblica di intervenire con decisione
per indurre il Governo a rinunziare alle ingenti spese militari, ad
approvare la Convenzione di Strasburgo contro la corruzione e a colpire
i privilegi dei politici.
 IO SONO D'ACCORDO. HO UNA PROPOSTA . PERCHE' NON INIVARE 


UNA LETTERA APERTA CON


LA SUA ATOREVOLE FIRMA A NOME DI TUTTI I NOSTRI AMICI ONLINE.


OGNI AMICO ONLINE 


DOVREBBE TRAMITE PASSA PAROLA ADERIRE A QUESTA MAGNIFICA 


SUA INIZIATIVA. IO 


POSSO INFORMARE I MIEI AMICI ( SONO ATTUALMENTE 4950) POI C'E' 


IL NOSTRO GRUPPO DI


CUI SONO ONORATO CHE LEI LEI E' AMMINISTRATORE (RIFORMA DEI 


PARTITI E DEI SINDACATI


CODICE ETICO) CHE CONSTA DI 1715 ADERENTI AL GRUPPO. fRA GLI 


AMINISRATORI TRA


L'ALTRO POSSIAMO CONTARE SU AUTOREVOLI PERSONAGGI PUBBLICI


COME: L'EURODEPUTATO 


ENRICO BELINGUER, L'ONOREVOLE GIOVANNA MELANDRI, IL DOTT,


CARLO RIENZI, PRESIDENTE 


CODACONS. TONINO DI PIETRO SEGRETARIO ITALIA DEI VALORI.


CINZIA FONTANA SENATRICE


PD, IL PROF. FRANCESCO ALBERONI SOCIOLOGO, SCRITTORE E MOLTI


ALTRI. INIZIAMO A 


CHIED
ERE IL LORO AUTOREVOLE PARERE. CHE NE DICE DOTT. 


IMPOSIMATO. RIMANGO IN


ATTESA DI UN SUO CORTESE RISCONTRO.


CORDIALI SALUTI
.


GABRIELE CERVI


Petizione al Parlamento Italiano, ai sensi dell'art 50 della Costituzione

Pubblicata daFerdinando Imposimatoil giorno venerdì 6 gennaio 2012 alle ore 20.16


06/01/2012] di Ferdinando Imposimato.  Petizione per l'annullamento delle spese d'acquisto di 131

cacciabombardieri, per la ratifica della Convenzione di Strasburgo del 1999 per la lotta alla Corruzione,

per la riduzione delle retribuzioni dei parlamentari.

Al  Presidente  della

CAMERA dei DEPUTATI

Al Presidente del


SENATO  della  REPUBBLICA

per conoscenza


Al PRESIDENTE  DELLA  REPUBBLICA

   PETIZIONE


ai sensi dell'art 50 della Costituzione

Noi  uomini e donne  abitanti nel territorio  della Repubblica Italiana

   Premesso

  • Che appaiono allarmanti  le notizie  sulle spese militari , decise dal 

  • Governo,  per 15 miliardi di euro  per l'acquisto di131

  •  caccia bombardieri  USA, mentre  altri Paesi , tra cui l'Inghilterra e

  •  gli stessi Stati Uniti d'America,  decidono di  annullare 

  • le spese militari, specie in un momento di crisi come quello attuale,

  •  che lede i diritti fondamentali specie degli ultimi e dei 
  • più poveri;
  • Che la Costituzione Repubblicana e le convenzioni internazionali  

  •  condannano la guerra come strumento di risoluzione 
  • delle controversie internazionali;
  • Che secondo l'art 11 della Costituzione  “l'Italia ripudia la guerra 

  • come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli  
  • come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali “

  • Che altrettanto grave  è il dilagare della corruzione per la quale il 

  • Governo ha creato una inutile e dispersiva 

  • Commissione per trovare le misure contro la Corruzione, mentre 

  • basterebbe ratificare la Convenzione di Strasburgo del

  •  1999 per la lotta alla corruzione;

  • Che ragioni di elementare giustizia sociale  impongono ai parlamentari

  •    una  rinunzia ai privilegi  in conformità  a

  • principio stabilito dall'art 53 della Costituzione , secondo cui tutti i
  •  cittadini sono tenuti  a concorrere  alle spese 
  • pubbliche  in ragione della loro capacità contributiva”, cosa che invece
  •  non è avvenuta per i politici, e secondo l'art 3 
  • della Costituzione.
  • Che per realizzare i predetti obiettivi occorre fare ricorso anche a
  •  provvedimenti urgenti.

Tutto ciò premesso,  rivolgiamo la seguente

   Petizione

al Parlamento Italiano  perché  emani con urgenza provvedimenti   coerenti 

con la  Costituzione Repubblicana e  le


Convenzioni internazionali   e in particolare  con la Convenzione Europea  sui diritti dell'UOMO e  la Dichiarazione

Universale del 1948 :

(1) annullando il provvedimento del Governo che prevede  spese 


per   15 miliardi    per l'acquisto di 131


cacciabombardieri, destinando quelle somme allo sviluppo e alla lotta


alla disoccupazione  giovanile


(2) ratificando  immediatamente   la Convenzione di Strasburgo


del 1999  per la lotta alla Corruzione,


che farebbe recuperare oltre 300 miliardi di euro, da destinare alla sviluppo


(3) riducendo  immediatamente  le retribuzioni dei parlamentari 


 ai livelli europei

Roma 6 gennaio 2012                            

                                                               Ferdinando Imposimato

                                                                            Gennaro Francione







DIGITA QUI SOTTO PER ENTRARE E

VISIONARE IL

NOSTRO GRUPPO.

SE POI LO TROVI INTERESSANTE

CHIEDI L'ADESIONE



POLITICI CRISTIANI?

 POLITICA COSTOSA E NOI PAGHIAMO!!! LETTERA PUBBLICATA DAL SETTIMANALE LA VITA CATTOLICA DIOCESI DI CREMONA IL 27 OTT. C.A.

 

 

 

POLITICA E ANTIPOLITICA MIA RISPOSTA A MONS. RINI DIRETTORE DEL SETTIMANALE LA VITA CATTOLICA DIOCESI DI CREMONA GIOVEDI 3 NOV.2011

I PRIVILEGI DEI CONSIGLIERI REGIONALI E QUELLI DEI SINDACATI FONTE QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONA DOMENICA 17 LUGLIO 2011

 

SINDACATO - IMPRENDITORE COSI' COMINCIANO I PROBLEMI FONTE QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONA LUNEDI 21 MARZO 2001

 

APPELLO: DOBBIAMO REGOLARIZZARE IL CONTRIBUTO DEI PARTITI LETTERA PUBBLICATA DAL SETTIMANALE IL PICCOLO DI CREMONA VENERDI 14 OTT.

A NOI CHIEDONO SACRIFICI AGLI EX PARTITI ARRIVANO MILIONI FONTE QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONA LUNEDI 1 AGOSTO

DENUNCIAMO GLI SPRECHI DELLA POLITICA ITALIANA GRUPPO SU FACEBOOK FONTE IL SETTIMANALE IL PICCOLO DI CREMONA E IL QUOTIDIANO LA CRONACA DI CREMONA VENREDI 29 LUGLIO

LA BATTAGLIA SU FACEBOOK HA UN GRANDE VALORE MIA REPLICA A SERGIO LINI PUBBLICATA DAL SETTIMANALE IL PICCOLO VENERDI 21 OTTOBRE 2011