Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
Il ristorante ha triplicato i prezzi senatori in coda per il riso bollito Addio delicatessen a prezzi stracciati Palazzo Madama, i parlamentari riscoprono la buvette tra mozzarella e verdure
  griglia

Il ristorante ha triplicato i prezzi senatori in coda per il riso bollito Addio delicatessen a prezzi stracciati Palazzo Madama, i parlamentari riscoprono la buvette tra mozzarella e verdure griglia

Il ristorante ha triplicato i prezzi senatori in coda per il riso bollito Addio delicatessen a prezzi stracciati Palazzo Madama, i parlamentari riscoprono la buvette tra mozzarella e verdure grigliate

Il ristorante ha triplicato i prezzi senatori

in coda per il riso bollito

Addio delicatessen a prezzi stracciati Palazzo Madama, i

parlamentari riscoprono la buvette tra mozzarella e verdure

grigliate

N
Caro-ristorante a Palazzo Madama I senatori in coda alla buvette


I senatori riscoprono la buvette di Palazzo Madama. No, non per un caffè o uno spuntino di metà mattina. Ma per il pranzo. Succede da quando il ristorante ha triplicato i prezzi, prima assolutamente ridicoli, del suo menù. Era una pacchia, per gente che porta a casa centomila e passa euro all'anno, mangiare carpaccio di filetto con salsa al limone a 2 euro e 76 centesimi; o bistecca di manzo a 2 euro e 68; o, ancora, lamelle di spigola con radicchio e mandorle a 3 euro e 34. Finita. Da inizio anno i prezzi sono triplicati (pur restando largamente al di sotto di quelli di un qualsiasi ristorante del centro di Roma. E così, eccoli i senatori, a far la coda al bancone per assicurarsi una porzione di riso bollito, un piattino di prosciutto e mozzarella, merluzzo e verdure grigliate. Da Federico bricolo della Lega a Fabio Giambrone dell'Idv, fino agli ex ministri Sacconi e Matteoli. Le verdure grigliate, in particolare, vanno via che è un piacere: saziano, sono poco caloriche e costano poco: appena 1 euro e 80 centesimi. Si sa, in tempi di crisi anche i senatori piangono.


IL SETTIMANALE OGGI HA PUBBLICATO LA NOSTRA LETTERA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO MARIO MONTI SULLA RIFORMA DEI PARTITITI E DEI SINDACATI

Oggi.it



Lettera aperta a Mario Monti sui soldi ai partiti politici


Cara redazione invio la lettera aperta che ho trasmesso a Mario Monti nella speranza che possiate pubblicarla. Grazie. Gabriele Cervi.

Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Prof. Mario Monti, Roma
e.p.c alla Commissione Europea dei diritti dell’uomo
PS: Copertina e cd sono stati prodotti artigianalmente da Gabriele Cervi che si autofinanzia.
Egregio Signor Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Mario Monti,
il 25 Gennaio 2012 tramite lettera raccomandata ho inviato alla s.v. un opuscolo contenenti alcune proposte riguardanti una non più procrastinabile riforma dei partiti. Nell’opuscolo fra i vari punti auspicavamo una corretto contributo che riguardasse le spese effettive sostenute dai vari partiti durante le elezioni politiche. I casi recentissimi dell’ex Margherita che hanno coinvolto l’ex tesoriere Lusi che ha dirottato diversi milioni di euro di contributi ad personam, i casi recenti della lega e nel passato anche di altri partitti, oltre ad aver provocato profonda indignazione da parte della maggioranza dell’opinione pubblica, ci induce noi cittadini, promotori del primo appello a riformulare un secondo accorato appello nei confronti di Sua Eccellenza con la speranza che la s.v. intervenga in sinergia con i partiti per regolarizzare una volta per tutte il contributo elettorale che così come è oggi è da ritenersi fuori dalla legge .
In questi anni si sono sprecati milioni di euro per foraggiare partiti e personaggi politici di dubbia moralità. Lei con il suo governo avete chiesto a noi cittadini di fare sacrifici su sacrifici per cercare di risanare il nostro sfortunato paese governato e sfruttato per decenni da politici poco onorevoli . da lobby e da caste.
A noi avete chiesto di tutto e di più mentre nulla avete chiesto in termini di sacrifici alle varie lobby e alla nostra classe politica se non la tutela dei loro iniqui privilegi.
Per abbattere almeno in parte l’attuale iniquo status quo vi proponiamo tramite un decreto legge di rendere almeno trasparente il contributo elettorale che crediamo sia giusto dare ai partiti ma osservando onestà e trasparenza. Siamo al corrente che sono state presentate da parte di alcuni partiti politici alcune proposte di legge . Sappiamo che le proposte di legge lasciano il tempo che trovano nel senso che molte volte, passano anni prima di essere discusse… Noi cittadini non abbiamo più tempo.. il nostro tempo è scaduto ecco perché riteniamo che serva da parte vostra un urgente decreto legge.
La nostra proposta tramite decreto legge consiste:
I partiti durante la campagna elettorale dovranno preventivamente giustificare tutte le spese elettorali che successivamente tramite mandati verranno saldate dal Parlamento. Compito del Parlamento (si auspica una commissione parlamentare elettorale ad hoc costituita da tutti i rappresentanti dei partiti) sarà di controllare e verificare la legalità delle varie pezze giustificative. Il partito che presenterà delle pezze non in regola sarà sanzionato con un multa e si vedrà nel contempo decurtare il successivo contributo elettorale. Personalmente sono contrario al referendum abrogativo indetto dal segretario dell’Idv On. Di Pietro in quanto ritengo che il contributo dato ai partiti sia più che legittimo per garantire la democrazia e la pluralità nel nostro paese.
Sono sicuro che lei nella sua importante carica di Presidente del Consiglio dei Ministri sia il solo che possa tramite un decreto legge riportare nella legalità l’attuale status quo.
Sicuri, che questo nostro appello non cada nel vuoto ma che sia preso come impulso propositivo per addivenire al più presto ad una vera e radicale riforma Le auguriamo tutto il bene possibile convinti che tutti siamo chiamati a dare il nostro fattivo contributo per il nostro beneamato paese.
Con profonda stima e ringraziando anticipatamente per la Sua cortese attenzione inviamo a Sua Eccellenza i nostri migliori Auguri di Buona Pasqua.
Gabriele Cervi
(fondatore su facebook del gruppo riforma dei partititi e dei sindacati codice etico)


PS: Copia di questa lettera è stata da me inviata anche alla Comunità Europea per informare la medesima di questa nostra legittima iniziativa nella speranza che non si debba da parte nostra fare un ricorso se da parte vostra dovesse perdurare tale grave , iniqua ed eticamente scorretta irregolarità amministrativa..
http://riformiamoipartitieisindacati.myblog.it/archive/2012/04/12/finanziamento-farsa-partiti-si-terranno-tutti-i-soldi.html
Alleghiamo un cd dove si parla del nostro gruppo fondato su facebook e dove sono state riversate le nostre proposte con informazioni riguardanti lo spreco di denaro pubblico di cui il Parlamento e i partiti sono i massimi artefici.
http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Friformiamoipartitieisindacati.myblog.it%2Farchive%2F2012%2F04%2F12%2Ffinanziamento-farsa-partiti-si-terranno-tutti-i-soldi.html&h=BAQGAPiolAQGmiXP5QFzhHwCN7b_oUl_wyZvcVGbPfauMrg&enc=AZOfN6t7VO9N-iCKOsF0ZCYHAJo_DaJV_mn9R9X5rNEZCGdRqHNa7CEdrZVIGGx0J8RIfHNzLvH5o1KzV9mF4AvD
CERVI GABRIELE, castelverde

Ferdinando Imposimato I capitalisti privati controllano, in modo diretto o indiretto, le principali fonti d'informazione (stampa, radio e pubblica istruzione).


Gabriele Cervi

Purtroppo i partiti sono il male della democrazia. Nati per dare voce al popolo sono negli anni diventati dei comitati d'affari. In decenni di privilegi e di ruberie hanno plasmato lo status quo a loro immagine. Vere piovre affaristiche hanno inquinato la società civile. I partiti non hanno mai avuto regole democratiche.. suddivisi in bande (correnti) dove la forza non era e non è l'onestà ma la disonestà. Per disinquinare in parte il paese da questi crimini (senza fare di tutta l'erba un fascio) dobbiamo insistere perchè si diano delle regole certe. Come per esempio un codice etico, ma soprattutto che i contributi (oggi spropositati) elettorali siano dati solo per le spese elettorali effettive. Iniziamo da qui poi strada facendo si arriverà alla vera trasparenza. 
Gabriele Cervi


FACEBOOK

Informazioni

Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di

Cassazione
Biografia DIGITA WIKIPEDIA PER ENTRARE

 NELLA 
BIOGRAFIA:
_Imposimato.

Si è occupato della lotta alla mafia, alla camorra e al terrorismo: è 
stato il giudice istruttore dei più importanti casi di terrorismo, tra
 cui il rapimento di Aldo Moro (1978), l'attentato al papa Giovanni 
Paolo II (1981), l'omicidio del vicepresidente del Consiglio Superiore
 della Magistratura Vittorio Bachelet, e dei giudici Riccardo Palma e

Ferdinando Imposimato

I capitalisti privati controllano, in modo diretto o indiretto, le principali fonti d'informazione (stampa, radio e pubblica istruzione). Per cui e' estremamente difficile che i singoli cittadini possano arrivare a conclusioni oggettive sul diritto al lavoro e avvalersi in modo intelligente dei propri diritti politici. Nessuno ci dice la verita' su quello che sta accadendo e sui nuovi sacrifici che ci vogliono imporre con il pretesto di dovere ridurre il debito pubblico, con il pericolo del fallimento, della bancarotta che travolgerebbe solo i piu' deboli. Dobbiamo ribadire che un rimedio efficace per la lotta contro la corruzione, in ogni sua forma pubblica e privata, sarebbe la convenzione penale di Strasburgo del 1999, approvata dall'Italia ma non ratificata. Il debito non e' pubblico: e' dello Stato. Riguarda il complesso delle spese sostenute dallo Stato, che costituiscono un insieme da definire con precisione: investimenti diretti quali grandi opere pubbliche, infrastrutture nei settori strategici, costate cento volte piu' di quello che sarebbe stato giusto spendere. Nella voragine-debito bisogna inserire i fondi per gli appalti con spese dilatate a dismisura a favore delle imprese del post terremoto, la costruzione di grandi ed inutili infrastrutture per i mondiali di nuoto del 2009, la moltiplicazione per mille delle spese per le autostrade e l'Alta Velocita', il pagamento dei debiti contratti dall'Alitalia, e gli investimenti indiretti come i finanziamenti pubblici dei partiti (usati anche per acquisti di immobili privati), crediti agevolati, le assunzioni clientelari nelle Autorithy, la pletora delle burocrazie inutili nelle Regioni, nelle provincie e nei comuni, oltre che nel Parlamento italiano. Fino alle spese per gli impegni militari in Afghanistan, in Iraq e in Libano. Tutte spese che non producono alcun vantaggio per la comunita' nazionale nel suo insieme, ne' assicurano la pace nel mondo, ma aggravano la crisi.La guerra in Iraq e Afghanistan costa 5 milioni di dollari al giorno, che si ritorcono anche contro di noi.
Magistrato, Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione
Pagina: Piace a 11.316 persone

FERDINANDO IMPOSIMATO: Non c'è alcun partito che ci

rappresenti.

G

Ferdinando Imposimato

FU MASSIMO D'ALEMA LO DICIAMO
DA ANNI CHE DIEDE A SIVLIO
BERLUSCONI, NEL

1994, l'assicurazione che il suo impero 

mediatico non sarebbe stato toccato
. Ignorava l'allora capo della opposizione 
che

il 69,3% degli italiani decide come
votare guardando la TV. La verità la confessò 

Luciano Violante nel febbraio 2002 quando

disse, nel stupore del paese: l'on. Berlusconi

sa per certo

che gli è stata data garanzia piena nel 1994 che

non sarebbero state toccate le televisioni. Voi ci

avete accusato, nonostante non avessimo fatto 

la legge sul conflitto di interessi e dichiarato

eleggibile Berlusconi


nonostante le concessioni” E ciò in violazione

della legge 30 marzo 1957,

ignorando l'appello di Giorgio Bocca, Paolo

Sylos Labini e Giuseppe Laterza.
Non c'era stata ignoranza ma un consapevole

patto scellerato tra 


D'Alema
e il suo amico di Arcore.

 DA FACEBOOK

NON C'E' NESSUN PARTITO CHE CI


RAPPRESENTI.


 FACEBOOK                      


GRUPPO FONDATO SU FACEBOOK: RIFORMA DEI PARTITI E DEI SINDACATI. CODICE ETICO
  • Descrizione

    QUESTO GRUPPO N0N HA SCOPO DI LUCRO HA L'UNICO FINE I
    L BENE COMUNE E' TRAVESALE IN QUANTO IO CREDO ANZI SONO CONVINTO CHE ANCHE NEI PARTITI COME NELLA SOCIETA' CIVILE CI SONO
     PERSONE CHE LOTTANO INDIVIDUALMENE IN TUTTI I CAMPI 
    PER DARE IMPULSO AI PROPRI VALORI CHE I NOSTRI FAMILIARI , LA SCUOLA, LA CHIESA, LO STATO LAICO CI TRASMETTE E CHE DI 
    CONSEGUENZA FA LA NOSTRA STORIA CHE E' IL NOSTRO 
    PASSATO MA CHE PUO' DIVENTARE UN RIFERIMENTO POSITIVO,
     SIA LAICO CHE CRISTIANO PER AFFRONTARE E MIGLIORARE IL
     NOSTRO FUTURO, LA NOSTRA SOCIETA'. SI PUO' FARE PERCHE
    ' CREDIAMO E CREDO CHE DARE IL BUON ESEMPIO SIA
    FONDAMENTALE. UNIAMO QUINDI LE NOSTRE VARIEGATE 
    PERSONALITA' ED ENERGIE PER ARRIVARE AL BENE DI TUTTI.. 
    AL DI SOPRA DELLE PARTI E DELL'ODIO O DELLA INDIFFERENZA
     CHE FOMENTA E DAA FORZA ALL'EGOISMO ED AL 
    QUALUNQUISMO.. 
    IL BENE, I VANTAGGI SOCIALI, POLITICI, ECONOMICI, D'IMPRESA DEVONO ESSERE RIVOLTI PER IL BENE COLLETTIVO E NON DI PARTE.. NOI
     LAVOREREMO PER RAGGIUNGERE QUESTO SCOPO 
    COLLETTIVO.. I PARTITI E I SINDACATI DOVRANNO SPERO
    AL PIU' PRESTO MODIFICARE I PROPRI STATUTI INTEGRANDOLI
     CON UN CODICE ETICO CHE DARA' TRASPARENZA MA 
    SOPRATTUTTO DOVRA' DIVENTARE UN RIFERIMENTO ETICO 
    POLITICO.SOCIALE ECONOMICO BASATO SULLE PARI
     OPPORTUNITA'. 
    QUESTO E' UNO STATO DI DIRITTO.. ORA NOI NON POSSIAMO
    DIRE DI ESSERE IN UNO STATO DI DIRITTO.. ECCO PERCHE' 
    NASCE QUESTO GRUPPO..STA A NOI CON LE NOSTRE 
    DEMOCRATICHE PROPOSTE FARE DIVENTARE IL NOSTRO PAESE
     IL PAESE DOVE TUTTI POSSONO AVERE PARI OPPORTUNITA'.
    . QUESTO DICASI STATO DI DIRITTO...
    -----------------------------------------------------------------------------
    DA FACEBOOOK:
    Ferdinando Imposimato
    Non accettiamo la soluzione proposta dai partiti, 
    responsabili degli ammanchi, di cui devono dare
     conto tutti, senza scappatoie.
    I partiti devono ridurre drasticamente i rimborsi 
    elettorali, autentica vergogna del nostro sistema,
    e dare conto delle somme incassate ben oltre le 
    spese elettorali per miliardi di euro. Non accettiamo
     questo scelta della trasparenza affidata, tra l'altro, 
    agli stessi responsabili dello sperpero. I partiti devono
     essere azzerati, fonti di disastri e crisi spaventose.

      
    RIFORMA DEI PARTITI E DEI SINDACATI. CODICE ETICO

    Gabriele Cervi EGREGIO DOTT. IMPOSIMATO, LA VERITA' E'
     CHE  QUESTI PROFESSIONISTI  DELLA POLITICA LADRONA, 
    CI HANNO FREGATI ANCORA UNA VOLTA.   RIMANE SOLO IL
     RICORSO ALLA COMUNITA' EUROPEA.. CHE VERGOGNA!!
     E'
     
    VERO SONO TUTTI UGUALI.
 

 AMMINISTRATORI DEL GRUPPO:

  •  AMMINISTRATORI DEL GRUPPO:

Lavora presso Scuola professionale
Joined più di un anno fa
 amministratore  
Vailate, Italy
Joined più di un anno fa
 amministratore  
 
Lavora presso Suprema Corte di Cassazione
Joined più di un anno fa
 amministratore  
Giornalista Free Lance presso Privato
Joined circa 11 mesi fa
 amministratore  
   
Università di Bologna
Joined circa 7 mesi fa
 amministratore  
Università degli studi di Pavia
Joined circa 8 mesi fa
 amministratore  
 
Milan, Italy
Joined più di un anno fa
 amministratore