Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
FOTOBLOG DI SUPPORTO Foto precedente | Homepage 27/01/2011 | Cooperative, nasce la grande alleanza bianche, rosse e verdi fanno causa comune

FOTOBLOG DI SUPPORTO Foto precedente | Homepage 27/01/2011 | Cooperative, nasce la grande alleanza bianche, rosse e verdi fanno causa comune

Cooperative, nasce la grande alleanza bianche, rosse e verdi fanno causa comune

27/01/2011 | Cooperative, nasce la grande alleanza bianche, rosse e verdi fanno causa comune

 

MIO LIBRO STAMPATO E RILEGATO A MANO MIO DIARIO PER FAR CHIUDERE GLI ORFANATROFI IN ITALIA

IMPRESE

Cooperative, nasce la grande alleanza
bianche, rosse e verdi fanno causa comune

Battesimo per il coordinamento tra Confcooperative, Legacoop e Agci. Rappresenterà gli interessi del settore in maniera unitaria sia di fronte a governo e parlamento che con le parti sociali. Un colosso virtuale da 127 miliardi di fatturato annuo, 43 mila imprese e 12 milioni di soci

ROMA - Bianche, rosse o verdi che siano o fossero, le cooperative italiane si uniscono per la prima volta dentro un progetto comune che ha l'obiettivo di difendere gli interessi del settore e rafforzarlo. Il coordinamento nazionale delle cooperative è il frutto della volontà delle tre "centrali" che rappresentano il 90% della realtà italiana del comparto: la "bianca" Confcooperative, la rossa Legacoop e l'Agci, nata repubblicana. Insieme, le 43mila imprese a loro federate hanno oltre 12 milioni di soci, occupano 1,1 milione di persone e fatturano ogni anno qualcosa come 127 miliardi di euro.

Il coordinamento, che ha avuto il suo battesimo oggi a Roma nel corso di un convegno, sarà stabile e verrà rappresentato da un simbolo composto da tre 'c' concentriche: una verde, una bianca e una rossa. Non sarà dotato di strutture permanenti, ma avrà un portavoce unico scelto annualmente dai presidenti delle tre centrali: Luigi Marino (Confcooperative), Giuliano Poletti (Legacoop) e Rosario Altieri (Agci).

"Non so se si possa dire che con questo atto si chiude definitivamente il '900 - dice Giuliano Poletti - , ma è certamente vero che si segna in modo forte un cambiamento denso di possibili conseguenze".

La prima finalità del progetto, spiegano i tre presidenti, è creare un unico organismo con la funzione di "coordinare l'azione di rappresentanza nei confronti del governo, del parlamento, delle istituzioni europee e delle parti sociali". Sul piano operativo, i presidenti si riuniranno in assemblee periodiche formate, a seconda dei casi, da 24 o 90 dirigenti delegati dalle tre centrali. L'alleanza produrrà inoltre un rapporto annuale, mentre gli organismi collegiali nazionali delle confederazioni formeranno insieme l'assemblea che si riunirà almeno una volta l'anno.

Il primo portavoce è Luigi Marino: "Ogni associazione - ha detto nella sua relazione - porta in dote la propria esperienza, la propria identità. Non ci serve una identità chimera, fatta con le zampe di uno, la testa di un altro, la coda di un altro ancora. I partiti politici che si uniscono precipitosamente o strumentalmente e che poi perdono progressivamente brandelli di classe dirigente e consistenti pezzi di elettorato, non sono buoni esempi da seguire". Marino ha ricordato che ogni anno nascono in Italia circa 8mila cooperative, una minoranza delle quali promosse direttamente dal movimento organizzato: "Le altre - ha detto Marino - , almeno quelle più autentiche, non dobbiamo abbandonarle alla solitudine, o lasciarle esposte a logiche subalterne e strumentali, o clientelari, o meramente commerciali".

Sulla stessa onda, Giuliano Poletti ha detto di riconoscersi nel termine "alleanza": "Il nome mi convince molto - ha detto il leader di Legacoop - perché un'alleanza riconosce il dato della diversità tra i soggetti che si alleano, ne rispetta la storia e sottolinea l'atto di volontà esplicito, l'assunzione di responsabilità".

Il messaggio di Napolitano - In un telegramma inviato al convegno, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricordato che "la storia e l'azione del movimento cooperativo hanno profondamente influenzato la crescita economica e civile del Paese, promuovendo un'organizzazione dei sistemi produttivi coerente con i principi della dignità sociale del lavoro, della centralità della persona e della compartecipazione attiva e responsabile alla vita dell'impresa". Questa preziosa e difficile eredità, ha aggiunto Napolitano, "chiama l'intero settore a rendere attuale il significato e il valore etico attraverso indirizzi operativi in grado di rispondere alle attuali sfide della globalizzazione, alle attese di un conseguente rinnovamento delle strutture produttive e insieme all'esigenza di diffondere uno spirito di solidarietà attiva e una maggiore giustizia sociale".

(27 gennaio 2011)

Gennaio 2011

Lui la spia su Facebook, lei lo accoltella tragica lite tra due conviventiIL GIORNO DELLA MEMORIA: Auschwitz - Guccini & Modena City RamblersDANTE LAFRANCONI: IL CROCIFISSO E' UN SEGNO CHE NON HA MAI FATTO MALE A NESSUNOINTERNO BAULETTO DONATO AL VESCOVO DI CREMONA MONS.DANTE LAFRANCONIOMAGGIO AL VESCOVO DI CREMONA MONS. DANTE LAFRANCONIIN ADOZIONE UNA BELLA FEMMINA DI SEGUGIO FONTE QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONAIL PAPA E IL DIGITALE. SI AI SOCIAL NETWORK MA SENZA ILLUSIONI FONTE QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONAORFANI.. STORIE DI ANGELI SENZA PARI OPPORTUNITA' DAL MIO DIARIO DA ME RILEGATO A MANO CHE E' SERVITO PER FAR CHIUDERE GLI ORFANATROFI ITALIANIBruce Lee Tribute VideoBruce Lee 70 Anniversario GRANDE BRUCEE LEE MI RICORDA LA MIA GIOVENTU' MITICO...STRESS E MOBBING PROFESORI A RISCHIO USURA FONTE PIU' SALUTE SETTIMANALE ALLEGATO AL QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONAGESU' IL SOLO RIFERIMENTO AL QUALE BISOGNA RISPONDERE LETTERA PUBBLICATA DAL QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONA DOMENICA 23 GENNAIO 2011Caso Ruby, dedica di Saviano ai pm Marina Berlusconi: «Provo orrore»Qualunquemente (Onda Calabra) - Cetto La Qualunque LA POLITICA OGGISALVIAMO I CLOCHARD DAL GELOMorta suicida la madre di Isabelle CaroSEDICENNI SPARITE;OGGI SONO IN ADOZIONE UNO SPINONE MASCHIO MARRONEPRESEPE FATTO A MANO. NATALE 2010 DEDICATO ALLA MIA FAMIGLIA E AI CLOCHARD FOTO PUBBLICATA DAL QUOTIDIANO LA PROVINCIA DI CREMONADAL SETTIMANALE LA VITA CATTOLICA DIOCESI DI CREMONA : APPELLO PER I CLOCHARD E LETTERA DEL SANTO PADRE GIOVEDI 13 GEN. 2011IN QUESTO NOSTRO PAESE SI MUORE ANCORA PER IL FREDDO.. LA RABBIA, L'INDIFFERENZA DELLA GENTE

3348.GIF

shinystat.cgi?USER=cervigabriele