Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
Bersani difende i 10 mostri incollati alla poltrona

Bersani difende i 10 mostri incollati alla poltrona

Bersani difende i 10 mostri incollati alla poltrona

Immagine di copertina

Pier difende i dieci mostri incollati alla poltrona 


Pier Luigi Bersani difende i mostri della politica,  non trova nulla di scandaloso nel fatto che i dinosauri restino dove sono. Per questo non ha nascosto la sua irritazione per le critiche arrivate al Pd dopo la decisione di concedere dieci deroghe per le candidature di parlamentari con più di 15 anni di legislatura alle spalle. "Questo non lo accetto", ha detto il segretario del Pd rispondendo ai cronisti al suo arrivo ad un incontro con gli ambasciatori del Sud Est asiatico.   "Il nostro statuto parla del 10% di deroghe e ieri alla direzione si è discusso di qualcosa che non è neanche il 3% - ha spiegato - perchè ne parlate solo per il Pd? Questo è inaccettabile"

All'attacco "Siamo gli unici in Italia e in Europa che hanno questi meccanismi di deroghe così stringenti - ha ricordato Bersani - quindi per favore non chiedeteci più e andate da qualcun altro. Su questo si è superato il segno".  E ancora:  Il Pd "è l’unico a fare cose mai fatte in Italia e in Europa e per questo gradiremmo essere seguiti con un pò di simpatia", ha proseguito parlando delle primarie per i parlamentari. "Gradiremmo che si chiedesse anche gli altri cosa voglionofare, visto che il Parlamento è una istituzione di tutti - ha insistito - non possiamo risolvere da soli il problema di come si scelgono i deputati. Gradiremmo sapere cosa fanno gli altri".   Tra le novità decise dalla direzione, anche la quota del 33% di candidature sicure per le donne. "Questo darà la certezza di un numero di donne in Parlamento che non c'è mai stato in un gruppo politico e che ci mette a livello europeo e spero anche un passo avanti".

Dalla Finocchiaro a Veltroni: col Pd un governo di mostri

Bersani e il Partito Democratico appaiono lanciati verso Palazzo Chigi. "Libero" vi svela quale sarà la squadra: Vendola, D'Alema, Errani...una tragedia

Finocchiaro, e Vendola: il governo rosso del Pd

Veltroni, Finocchiaro, D'Alema


di Marco Gorra 

Vocazione maggioritaria di ritorno o incipiente delirio di onnipotenza che sia, nel Pd in piena sbornia da primarie la tentazione di fare da sé si fa fortissima. Due elementi spingono in questa direzione: il trend innescato nei sondaggi dal successo delle primarie (ieri il Tg7 di Mentana dava il Pd al 34,6%, che sommato a Sel e cespugli vari proietta la coalizione oltre il 40%) e la quasi certezza che si voterà col Porcellum. Lo scenario per Bersani, dunque, è una maggioranza massiccia alla Camera e dignitosa in Senato ottenibile en solitaire, cioè senza bussare da Casini e soci e contentandosi di coprirsi al centro con le risorse indigene (Renzi) ed oriunde (Tabacci).  Questa maggioranza di sinistra-centro, se nel lungo periodo offre scarse garanzie di tenuta, reggerà però quanto basterà per presentarsi al Colle - dove nei desiderata di Bersani il padrone di casa a quel punto dovrebbe essere diventato Mario Monti - con la lista dei ministri in tasca. E l’elenco dei membri del futuribile governo Bersani - elenco che Libero ha provato a stilare con criterio il più realista possibile - fa impressione.

Le certezze - A Palazzo Chigi, ovviamente, andrà Bersani. La Farnesina è prenotata da Massimo D’Alema, che ad autoaffondarsi per bucare le gomme a Renzi è stato il primo ed andrà risarcito con un ministero di prima fascia. Per Nichi Vendola, oltre alla nomina a vicepremier, si profila un dicastero ad alto impatto sociale: la destinazione più probabile è il ministero del Lavoro (a mitigare il tutto potrebbe soccorrere la nomina di un sottosegretario più moderato come il leader delle Acli Andrea Olivero).Anna Finocchiaro avrebbe finalmente l’occasione di coronare il sogno di diventare Guardasigilli mentre il governatore emiliano Vasco Errani,incarnazione del bersanismo, sarebbe in pole per il Viminale. Difficile, poi, levare i Beni culturali a Walter Veltroni.All’Economia non potrebbe che finire Stefano Fassina, arcigno responsabile economico del partito e massimo interprete della linea Cgil. Lo Sviluppo economico, anche per ragioni di bilanciamento, a quel punto sarebbe perfetto per Bruno Tabacci. Il candidato naturale per la Salute sarebbe il senatore chirurgoIgnazio Marino, mentre il nome giusto per la Difesa sarebbe quello diEnrico Letta (il cui lavoro in  commissione alla Camera è trasversalmente apprezzato). 

Capitolo Cencelli: ai socialisti di Riccardo Nencini toccherà un ministero di fascia media (tipo i Rapporti con le Regioni), mentre ai vendoliani andrà dato un secondo posto di peso: il numero due di Sel Gennaro Migliore finirebbe all’Agricoltura. L’immancabile tributo alla società civile si potrebbe pagare nominando lo storico (nonché spin doctor del segretario) Miguel Gotor all’Istruzione. Laura Puppato che sulla green economy ha incentrato il programma per le primarie, sarebbe perfetta per l’Ambiente. In quota bersaniani duri e puri i nomi in lizza sono quelli della direttrice di YouDem Chiara Geloni (Pari opportunità) e delle parlamentari Marina Sereni (Rapporti col Parlamento) e Paola De Micheli (Infrastrutture). In lizza pure i due membri senior del terzetto del comitato elettorale di Bersani Alessandra Moretti e Roberto Speranza per cui resterebbero Turismo e Politiche Giovanili. E Rosy Bindi?Convenienza vorrebbe che la si dirottasse altrove, magari su una prestigiosa poltrona istituzionale. Ma, qualora la Bindi si impuntasse, negarle un ministero sarebbe difficile. Al limite, si potrebbe tentare di limitarne l’esposizione assegnandole un dicastero minore, come quello all’Attuazione del programma.

  • GRUPPO FONDATO SU FACEBOOK:

 


 

POLITICI CARISSIMI: LA SOLA CAMERA DEI DEPUTATI CI COSTA 2.215 EURO AL MINUTO