Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
CASCINETTA DIDATTICA PIU' FORTE DEL COVID.

CASCINETTA DIDATTICA PIU' FORTE DEL COVID.

    … .  Jesus Salvami

… . Jesus Salvami

N. 7

 
© Fornito da AGI

(AGI) - Un appello affinché si risolvano i conflitti tra la Grecia e la Turchia, che ruotano attorno ai vasti giacimenti di gas e petrolio scoperti una decina di anni fa. A lanciarlo è stato Papa Francesco, dopo la recita dell'Angelus, sottolineando che segue con "preoccupazione le tensioni nella zona del Mediterraneo orientale, insidiata da vari focolai di instabilità".

"Per favore - ha implorato il Pontefice -, faccio appello al dialogo costruttivo e al rispetto della legalità internazionale per risolvere i conflitti che minacciano la pace dei popoli di quella regione".

I motivi delle tensioni nel Mediterraneo orientale

Grecia e Turchia hanno accordi marittimi, la prima con l'Egitto, la seconda con la Libia. I due Paesi sono in contrasto sull'interpretazione dei rispettivi confini delle acque territoriali e dunque sul diritto di esplorazione e di utilizzo delle risorse energetiche.

Il 10 agosto scorso, la Grecia ha accusato la Turchia di "minacciare la pace" nel Mediterraneo orientale, a seguito della decisione di Ankara di inviare una nave - la Oruc Reis - per la ricerca di idrocarburi vicino all'isola greca di Kastellorizo, che dista 2 chilometri e mezzo dalle coste turche.

L'Unione europea ha avvertito Ankara che potrebbe affrontare nuove sanzioni, comprese misure economiche dure, a meno che non si compiano progressi nella riduzione delle tensioni. Mercoledì scorso la Turchia si è detta disponibile a colloqui con la Grecia senza precondizioni, anche se ieri ha annunciato nuove manovre di addestramento militare per altre due settimane.

"Per favore, faccio appello al dialogo costruttivo e al rispetto della legalità internazionale per risolvere i conflitti che minacciano la pace dei popoli di quella regione"

                                                               Papa Francesco 

L'invito del Papa è quindi di continuare nel dialogo e di rispettare la legalità internazionale. Sempre dopo l'Angelus, Francesco, ricordando che il 1* settembre ricorre la Giornata Mondiale di Preghiera per la cura del Creato, ha rivolto un pensiero alle Mauritius, dove "purtroppo si è verificato recentemente un disastro ambientale".

La croce è la via del cristiano, non ridurla a un oggetto scaramantico o a un monile

Prima della recita della preghiera mariana, il Papa ha invitato a non ridurre "a oggetto scaramantico oppure a monile ornamentale" il crocifisso alla parete di casa o quello che portiamo al collo. La croce, ha detto, "sia segno del nostro desiderio di unirci a Cristo nel servire con amore i fratelli, specialmente i piu' piccoli e fragili".

La croce, ha precisato, è "segno santo dell'Amore di Dio e del Sacrificio di Gesu'". La croce è "scomoda", ma fuggire da essa è uno "scandalo" ha sottolineato Francesco e questo capita a tutti noi (anche a Pietro e ai discepoli) perché "è proprio del diavolo allontanarci dalla croce, dalla croce di Gesù".

"Succede a tutti noi! Nei momenti di devozione, di fervore, di buona volontà, di vicinanza al prossimo - ha detto -, guardiamo Gesù e andiamo avanti; ma nei momenti in cui viene incontro la croce, fuggiamo. Il diavolo, Satana - come dice Gesù a Pietro - ci tenta". La frase che Gesù rivolge a tutti ("Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi sé stesso, prenda la sua croce e mi segua") è "la via del vero discepolo".

I due atteggiamenti da seguire

Sono due atteggiamenti: il primo è "rinunciare a sé stessi", che non significa "un cambiamento superficiale, ma una conversione, un capovolgimento di mentalità e di valori". L'altro atteggiamento "è quello di prendere la propria croce. Non si tratta solo di sopportare con pazienza le tribolazioni quotidiane, ma di portare con fede e responsabilità quella parte di fatica e di sofferenza che la lotta contro il male comporta".

"La vita dei cristiani è sempre una lotta - ha rimarcato Bergoglio -. La Bibbia dice che la vita del credente è una milizia: lottare contro il cattivo spirito, lottare contro il Male. Così l'impegno di 'prendere la croce' diventa partecipazione con Cristo alla salvezza del mondo". 

NASCITA DELLA CASCINETTA DIDATTICA FINE 2014