Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog di cervigabriele.over-blog.it

Blog di cervigabriele.over-blog.it

Menu
Il Papa: la Curia cambia per servire meglio l’umanità

Il Papa: la Curia cambia per servire meglio l’umanità

L'immagine può contenere: testo

L'immagine può contenere: possible text that says '© 2 ANNI FA ASSOCIAZIONE CASCINETTA GRA DIDATTICA ONLUS CORSI TUITINON CONTRIBUTI ACCIAMO RICHIESTA NOSTR LIBERA SCELT PUBBLICI UNA CHE PORTA CONDIVIDERE POVERTA DI S.FRANCESCO CHE CON POCHI MEZZI RIUSCIVA FARE ΤΑΝΤΟ VUOI DONA TUO 5X 1000 93056600195 WWW.CERVIGABRIELEOVERBLOG Si accettano anche piccole offerte si rilascia ricevuta da scaricare 730. Bonifico Iban| IT24C050345670000000000 mittente ASSOCIAZIONE IN CAMMINO CON S.FRANCESCO LA DIDATTICA ONLUS CASTELVERDE MONSIGNOR GARDINAL 11 26022 Castelverde. Mail cervi.gabriele@libeo.it..'

shinystat.cgi?USER=cervigabriele

 
 

Il Papa: la Curia cambia per servire meglio l’umanità

Nel tradizionale incontro per gli auguri di Natale Francesco parla alla Curia Romana delle trasformazioni in atto nelle istituzioni vaticane, ribadendo necessità e scopi dei nuovi dicasteri. Cambiamo, dice il Papa, per vincere rigidità e paure e annunciare meglio il Vangelo a un mondo scristianizzato
 

Alessandro De Carolis – Città del Vaticano

Nel mondo che cambia, la Curia Romana non cambia tanto per farlo, “per seguire le mode”. Sviluppo e crescita la Chiesa li vive dalla prospettiva di Dio e del resto la storia della Bibbia è tutto “un cammino segnato da avvii e ripartenze”. Ecco perché anche uno dei nuovi Santi, il cardinale Newman, quando parlava di “cambiamento” in realtà intendeva “conversione”.

Sfida e inerzia

Prima di portare il discorso sull’argomento che gli sta a cuore, Francesco prepara l’uditorio schierato in Sala Clementina per gli auguri di Natale – tutti i suoi primi collaboratori della Curia romana – a sintonizzarsi su una convinzione che sottende e accompagna fin dall’inizio il suo magistero, ovvero che quella attuale “non è semplicemente un’epoca di cambiamenti, ma è un cambiamento di epoca”. Aggiungendo che “l’atteggiamento sano” è quello di “lasciarsi interrogare dalle sfide del tempo presente”, con discernimento e coraggio, piuttosto che farsi sedurre dalla comoda inerzia del lasciare tutto com’è:

Capita spesso di vivere il cambiamento limitandosi a indossare un nuovo vestito, e poi rimanere in realtà come si era prima. Rammento l’espressione enigmatica, che si legge in un famoso romanzo italiano: “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi” (ne Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa).

Tra novità e memoria

L’articolata premessa approda al tema della riforma della Curia romana che, sostiene il Papa, “non ha mai avuto la presunzione di fare come se prima niente fosse esistito”, ma ha puntato al contrario “a valorizzare quanto di buono è stato fatto nella complessa storia della Curia”.

È doveroso valorizzarne la storia per costruire un futuro che abbia basi solide, che abbia radici e perciò possa essere fecondo. Appellarsi alla memoria non vuol dire ancorarsi all’autoconservazione, ma richiamare la vita e la vitalità di un percorso in continuo sviluppo. La memoria non è statica, è dinamica. Implica per sua natura movimento. E la tradizione non è statica, è dinamica, è la garanzia del futuro e non la custodia delle ceneri.

“La rigidità che nasce dalla paura del cambiamento e finisce per disseminare di paletti e di ostacoli il terreno del bene comune, facendolo diventare un campo minato di incomunicabilità e di odio.”

Cambiare per annunciare

A questo punto Francesco passa in rassegna quelle che definisce “alcune novità dell’organizzazione curiale, come la nascita a fine 2017 della Terza Sezione della Segreteria di Stato (Sezione per il Personale di ruolo diplomatico della Santa Sede – ndr), assieme ad altri mutamenti intervenuti, ricorda, nelle “relazioni tra Curia romana e Chiese particolari” e nella “struttura di alcuni Dicasteri, in particolare quello per le Chiese Orientali e altri per il dialogo ecumenico e per quello interreligioso, in particolare con l’Ebraismo”. Ma è stata soprattutto la constatazione – già evidente già al tempo di Giovanni Paolo II che di Benedetto XVI – cioè di un mondo non più cosciente del Vangelo come in passato, a richiedere, spiega Francesco, ristrutturazioni profonde di dicasteri storici o a suggerire la nascita di nuovi.

Riferendosi alla Congregazione per la Dottrina della Fede e alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli, il Papa osserva che quando “furono istituite, si era in un’epoca nella quale era più semplice distinguere tra due versanti abbastanza definiti: un mondo cristiano da una parte e un mondo ancora da evangelizzare dall’altra”.

Adesso questa situazione non esiste più. Le popolazioni che non hanno ancora ricevuto l’annuncio del Vangelo non vivono affatto soltanto nei Continenti non occidentali, ma dimorano dappertutto, specialmente nelle enormi concentrazioni urbane che richiedono esse stesse una specifica pastorale. Nelle grandi città abbiamo bisogno di altre “mappe”, di altri paradigmi, che ci aiutino a riposizionare i nostri modi di pensare e i nostri atteggiamenti: non siamo nella cristianità, non più!

Vangelo e cultura digitale

Per questo, a rimodellare le istituzioni vaticane è stata la spinta a un rinnovato annuncio del Vangelo. Tutto – consuetudini, stili, orari, linguaggio, aveva già chiarito il Papa nell’Evangelii gaudium – dev’essere “un canale adeguato all’evangelizzazione del mondo attuale, più che per l’autopreservazione”. A questo bisogno risponde, asserisce Francesco, la nascita del Dicastero per la Comunicazione, entità che accorpa nove enti dei media vaticani prima distinti fra loro. Non un mero “raggruppamento coordinativo”, precisa, ma un modo di “armonizzare” per “produrre una migliore offerta di servizi” in una “cultura ampiamente digitalizzata”.

La nuova cultura, marcata da fattori di convergenza e multimedialità, ha bisogno di una risposta adeguata da parte della Sede Apostolica nell’ambito della comunicazione. Oggi, rispetto ai servizi diversificati, prevale la forma multimediale, e questo segna anche il modo di concepirli, di pensarli e di attuarli. Tutto ciò implica, insieme al cambiamento culturale, una conversione istituzionale e personale per passare da un lavoro a compartimenti stagni – che nei casi migliori aveva qualche coordinamento – a un lavoro intrinsecamente connesso, in sinergia.

Una struttura, tanti servizi

Analoga sorte è quella toccata al Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, creato per rendere più coerente e unitario il lavoro prima distinto tra i Pontifici Consigli di Giustizia e Pace, Cor Unum, Pastorale dei Migranti e Operatori Sanitari.

La Chiesa è dunque chiamata a ricordare a tutti che non si tratta solo di questioni sociali o migratorie ma di persone umane, di fratelli e sorelle che oggi sono il simbolo di tutti gli scartati della società globalizzata. È chiamata a testimoniare che per Dio nessuno è “straniero” o “escluso”. È chiamata a svegliare le coscienze assopite nell’indifferenza dinanzi alla realtà del Mar Mediterraneo divenuto per molti, troppi, un cimitero.

L’amore vince la stanchezza

Tra “grandi sfide” e “necessari equilibri”, dunque, ciò che conta è che la Chiesa, e la Curia romana per prima, guardi all’umanità in cui tutti sono “figli di un unico Padre”. Francesco non misconosce la difficoltà di cambiamenti così grandi, il bisogno della gradualità, “l’errore umano”, con i quali, dice, “non è possibile né giusto non fare i conti”. “Legata a questo difficile processo storico, c’è sempre – stigmatizza – la tentazione di ripiegarsi sul passato (anche usando formulazioni nuove), perché più rassicurante, conosciuto e, sicuramente, meno conflittuale”.

Qui occorre mettere in guardia dalla tentazione di assumere l’atteggiamento della rigidità. La rigidità che nasce dalla paura del cambiamento e finisce per disseminare di paletti e di ostacoli il terreno del bene comune, facendolo diventare un campo minato di incomunicabilità e di odio. Ricordiamo sempre che dietro ogni rigidità giace qualche squilibrio. La rigidità e lo squilibro si alimentano a vicenda in un circolo vizioso ed oggi questa tentazione della rigidità è diventata tanto attuale

L’ultima parola, il Papa la lascia al cardinale Martini che, sul punto di morte, affermò: “La Chiesa è rimasta indietro di duecento anni. Come mai non si scuote? Abbiamo paura? Paura invece di coraggio? Comunque la fede è il fondamento della Chiesa. La fede, la fiducia, il coraggio. [...] Solo l’amore vince la stanchezza”.

L'immagine può contenere: 2 persone, testo

 

«Mille casi di abusi in un anno, siamo sopraffatti». Ma la Chiesa sta reagendo

20/12/2019  A dirlo è monsignor John Joseph Kennedy, capo ufficio della Sezione disciplinare della Congregazione per la Dottrina della Fede: «Se potessi clonerei i miei funzionari per farli lavorare tre turni al giorno». Dal summit di febbraio all’abolizione del segreto pontificio, le decisioni del Papa per combattere la piaga

 

La Congregazione per la Dottrina della Fede che riceve le denunce di abusi sessuali da parte del clero ha registrato quest’anno la cifra record di mille casi segnalati da tutto il mondo, anche da Paesi di cui non aveva mai sentito parlare prima, e potrebbe non essere finita qui. La notizia, segnalata dal Washington Post, è stata ripresa dall’intervista di Ap (Associated Press) a monsignor John Joseph Kennedy, il capo Ufficio della Sezione disciplinare della Congregazione, precisando che l’enorme afflusso di denunce ha «sopraffatto» il personale: «Uno tsunami di casi», lo ha definito Kennedy.

 

Il numero degli episodi nel 2019 è aumentato del quadruplo rispetto a un decennio fa. «So che la clonazione è contro l’insegnamento cattolico, ma se potessi davvero clonare i miei funzionari e farli lavorare tre turni al giorno o lavorare sette giorni alla settimana, potrebbero fare il necessario passo avanti» per elaborare tutti i casi, ha detto monsignor John Kennedy, il quale ha permesso per la prima volta a un fotografo dell’Associated Press di far entrare le telecamere all’interno della Congregazione. Dando un’intervista in cui rivela numeri e altri dettagli sull’ufficio che si occupa delle denunce.

Un cambio di passo netto rispetto al passato: «Suppongo che se non fossi un prete e se avessi un bambino maltrattato, probabilmente smetterei di andare a messa», ha ammesso monsignor Kennedy, che ha assistito nella sua nativa Irlanda come la credibilità della Chiesa sia stata persa, in seguito allo scandalo degli abusi.

 

 
Il summit per la tutela dei minori convocato in Vaticano a febbraio scorso (foto Ansa)
Il summit per la tutela dei minori convocato in Vaticano a febbraio scorso (foto Ansa)

Il summit in febbraio e la storica decisione di rimuovere il segreto pontificio

 

La denuncia di Kennedy arriva al termine di un anno, il 2019, in cui la lotta agli abusi del clero ha visto due tappe fondamentali. A febbraio il summit voluto da papa Francesco e convocato in Vaticano per far fronte allo scandalo degli abusi e per discutere linee guida comuni per i vescovi. Oltre al Papa, hanno preso parte i capi delle Chiese cattoliche orientali, i superiori della Segreteria di Stato, i prefetti delle Congregazioni per la Dottrina della Fede, per le Chiese Orientali, per i Vescovi, per l’Evangelizzazione dei popoli, per il Clero, per gli Istituti di vita consacrata e le società di Vita Apostolica e del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, i presidenti delle Conferenze episcopali e i rappresentanti dell’Unione dei superiori generali e dell’Unione internazionale delle superiore generali.

L’altro evento, che non è azzardato definire storico, è la decisione del 17 dicembre scorso, frutto anche del summit di febbraio, da parte del Papa di abolire, con un rescritto, il segreto pontificio nei casi di abuso sui minori, di violenza sessuale e di pedopornografia. Questo significa che d’ora in poi le denunce, le testimonianze e i documenti processuali relativi ai casi di abuso conservati negli archivi dei Dicasteri vaticani come pure quelli che si trovano negli archivi delle diocesi, e che fino ad oggi erano appunto sottoposti al segreto pontificio, potranno essere consegnati ai magistrati inquirenti dei rispettivi Paesi che li richiedano. Un segno di apertura, di disponibilità, di trasparenza, di collaborazione con le autorità civili.

Nel caso dei Dicasteri vaticani, la richiesta dovrà essere inoltrata attraverso una rogatoria internazionale, mentre per i documenti richiesti che siano conservati negli archivi delle Curie diocesane: i magistrati inquirenti inoltreranno la richiesta direttamente al vescovo.

Questa decisione si collega anche al Motu Proprio Vos estis lux mundi del 7 maggio scorso in cui il Papa scrive che i «crimini di abuso sessuale offendono Nostro Signore, causano danni fisici, psicologici e spirituali alle vittime e ledono la comunità dei fedeli. Affinché tali fenomeni, in tutte le loro forme, non avvengano più, serve una conversione continua e profonda dei cuori, attestata da azioni concrete ed efficaci che coinvolgano tutti nella Chiesa, così che la santità personale e l’impegno morale possano concorrere a promuovere la piena credibilità dell’annuncio evangelico e l’efficacia della missione della Chiesa».

Con questo documento il Papa ha stabilito nuove norme procedurali per combattere gli abusi sessuali e assicurare che vescovi e superiori religiosi rendano conto del loro operato. È una normativa universale, che si applica all’intera Chiesa cattolica.

L'ANGOLO  DEI RICORDI.

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto

 

1976 AVIERE SCELTO PRESSO COMANDO DELLA PRIMA REGIONE AEREA DI MILANO.
L'immagine può contenere: possible text that says 'Gabriele Cervi DIARIO DI UNA SCUOLA LAGER (1988-1994) Il business delle scuole convenzionate'
 
 

DIARIO LAVORATIVO
 
https://youtu.be/Pj6ISDp1lMo?t=11

L'ANGOLO DEI RICORDI .. DIARIO LAVORATIVO.

VEDI TUTTI I MIEI VIDEO PLAISTIL CASCINETTA DIDATTICA ONLUS MOTORE DI RICERCA YOUTUBE.

VitaliziL'immagine può contenere: il seguente testo "Satiraptus L'Italia è sicuramente il Paese più longevo. Gran parte degli abitanti è ancora gente del Medioevo. Luca Lionetti"

 

SI CI SONO SEMPRE STATI  E CI SONO ANCORA I GUELFI E I GHIBELLINI...

  RICORDI PARTE DEI I MIEI LAVORI FATTI INTERAMENTE A MANO

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: Gabriele Cervi, testo

L'immagine può contenere: 3 persone, tra cui Gabriele Cervi

L'immagine può contenere: 1 persona, testo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: bicicletta

LABORATORIO DI CICLOMECCANICA

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: una o più persone

L'immagine può contenere: 8 persone, tra cui Felix Thompson Dollar e Gabriele Cervi

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, spazio all'aperto e testo

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, motocicletta e spazio all'aperto

CORSO DI MECCANICA ANNO FORMATIVO 2019

L'immagine può contenere: possible text that says '1 ANNO FA NTEGRAZIONE Castelverd Inbicielett segnodi Milani Periodico della cascinetta didattica: strada facendo edizione estiva 2018'

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

IL NOSTRO IMPEGNO CONTRO IL GIOCO D'AZZARDO

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.